Le radici della mia vita - Vito Tribuzio

Libro - Edito da Michele Tribuzio Editore - 15,00€

Vito oggi, purtroppo, non c'è più, ma permane la sua voglia di vivere, come dono prezioso ed esempio per noi tutti.

Questo libro nasce da una motivazione del tutto personale, dettata da amore filiale verso un papà sofferente, uomo di cui erano note le velleità letterarie, evidenti fin da bambino.
"Attraverso questo scritto  - dice Mike Tribuzio -  ho conosciuto alcuni  aspetti di mio padre che non conoscevo, le sofferenze, il sudore, il grande affetto per la sua mamma, l’orgoglio e la tenacia di voler diventare qualcuno e poi la grande storia d’amore con la “gemella sua“, mia madre.
Insomma, ho conosciuto un uomo che per suo pudore non conoscevo: e mi è piaciuto molto e, se possibile, l’ho amato ancora più."


Un ringraziamento speciale devo rivolgerlo alla dolce Stefania Baldassarri, bravissima ma anche sensibile grafica, che ha colto in pieno l’essenza del libro con una copertina quasi commovente per il suo significato e alla nostra Raffaella Mele che con la sua sensibilità ed intelligenza impreziosisce la nostra collaborazione da oltre 25 anni! (Grazie Raffi!)

 

Come spesso dico, noi siamo il frutto degli alberi da cui veniamo

e se sono la persona che sono, lo devo a due genitori fantastici.

 



Questo libro ha riscosso un grande seguito e succeso tra i lettori. Ecco  solo alcune delle lettere ricevute:

 

 

 

”Caro Michele,

ho appena ricevuto la tua ultima pubblicazione. Complimenti! Mi è bastato leggere la presentazione per capire che con le tue 226 pagine saprai offrire al lettore la  storia “semplice, genuina, deliziosa, luminosa e schietta”   di una famiglia dai sani e forti principi morali. Mi ha soprattutto colpito la semplicità della risposta che ti ha dato tuo padre quando gli hai chiesto perché mai non ti avesse mai parlato della sua vita: “Perché non me l’hai mai chiesto”. E’ quello che capita nella maggior parte dei casi del rapporto padre-figlio, in cui purtroppo, per riservatezza, pudore o altro, troppo spesso non ci si confessa, non ci si confida, non ci si narra. E succede poi che molti figli provino profondo rammarico per non aver saputo dare pubblico atto del valore dei propri genitori in vita.

 

Bravo te che invece ci sei riuscito con questa pubblicazione sulla storia del ceppo delle tue sane radici.” Mario Greco

 

“Ti scrivo per ringraziarti del regalo che mi hai inviato per Natale, l’ho apprezzato tantissimo.
Non l’ho fatto prima perchè volevo finire di leggere tutte le avventure della vita di tuo padre, una vita… meravigliosa.
Quando ci incontrammo la prima volta ti chiesi quali fossero le caratteristiche necessarie per avere una mentalità che porti al successo e tu mi rispondesti che la famiglia sicuramente influisce ed oggi queste parole sono ancora più chiare.
Ebbene ringrazio te e tuo padre per aver condiviso con me la sua storia, i racconti della sua vita, i suoi solidi valori, l’amore per la famiglia e per il lavoro, l’onestà e la sua determinazione nell’affrontare sempre ogni situazione riuscendo a dominarla e a farne un successo.
Le sue radici, le tue radici, sono maestosamente solide, tanto da non temere la più terribile delle tempeste.
Che dire di più grazie, grazie di avermi fatto conoscere l’Uomo Vito Tribuzio.
Grazie Vito Tribuzio
Grazie Michele Tribuzio ” -
Fabio Cirigliano

 

“Buona sera ! Zio Mike.
Come già ti avevo accennato ho provato “forti emozioni”
nel leggere il libro donatomi : Vito Tribuzio ” Le radici della mia vita “.
Ad essere sincero da subito per la grande stima e profonda ammirazione che provo nei tuoi riguardi mi ero sentito onorato nella opportunità di poterlo leggere,visto che già dal titolo avevo molta curiosità di conoscere le sue e quindi le tue radici. Dopo aver sentito umilmente aprire il cuore da te nella ricorrenza della festività natalizia, raccontando della malattia che aveva colpito improvvisamente e recentemente il tuo caro e anziano Papà,infierendo così su una ferita ancora troppo viva con ammirevole dimostrazione da parte tua di un così immenso amore verso questo uomo che aveva vissuto in quella condizione un calvario ancor più impervio da attraversare , fatto di razionale fragilità psicologica ed emotiva . Era già suscitato in me (avendo attraversato personalmente in passato problematiche legate alla salute) un sentimento di sentita vicinanza e commozione. Di fronte i tuoi collaboratori pronti a festeggiare, e non tutti sicuramente in grado in quel momento, di recepire per la prima volta quella notizia di un simile e privato evento che ti aveva colpito, manifestando una profonda sensibilità da parte tua nel voler condividere un dolore simile ma seguita soprattutto come sempre da un positivo messaggio: Una Forte e Bellissima Amorevole Azione; quella di aver suscitato in lui ad una età non facile per affrontare da solo quei problemi, una reazione determinante per mettere fine a quella straziante degenza ;avendo già capito di trovarti di fronte non solo un padre,ma un pioniere  della  scrittura ,promettendogli di aver pubblicato in un libro i suoi appunti privati e sconosciuti fino a poco tempo prima, di vita vissuta ;una vita di altri tempi!  se lui si fosse sforzato di non arrendersi. Così mi sono immerso già dalla sera successiva in una lettura che mi ha da subito catturato come non mai, quasi come se vivessi quei racconti da spettatore presente ,interessato a conoscere sempre di più la storia della vita di quel bambino che nato in un epoca che sembra così lontana dalla nostra si avviava a diventare un geniale grande uomo romantico dedito principalmente al duro lavoro. Immaginando paesaggi,coltivazioni vita di mare e di campagna respirando i profumi, assaporando i sapori gli umori le sofferenze e i successi le gioie  e i dolori del tempo ho capito soprattutto una cosa……..che noi siamo molto più fortunati di allora per molte aspetti,in altri meno. Un grande abbraccio e un saluto.”
Piero Zocchi

 

 

"Conosco Vito Tribuzio da tanto tempo e di lui quando lo conobbi  mi colpì subito la severità dell’espressione: quello che si dice un uomo di altri tempi.
Ma negli anni ho visto dietro quella sua maschera rude, un marito tenero, un papà attento, ed un lavoratore che del lavoro
 ha fatto la sua ragione di vita. Sapevo della sua passione per la scrittura, spesso ci allietava con  poesie (in rima!) create per occasioni
magari importanti. percìò quando ho iniziato a leggere il suo libro credevo di sapere ciò che avrei letto. E invece la sua vita è passata sotto i miei occhi in un attimo. ho letto avidamente le pagine di quello che era un romanzo a tutti gli effetti. E mi sono commossa… l’ho immaginato bambino a combattere con un lavoro duro come quello della terra, e poi
attraverso le sue parole l’ho visto crescere ed amare profondamente quella stessa terra che come nulla e nessuno ti ripaga del lavoro con i suoi frutti, diventare uomo ed incontrare la gemella sua.
Un libro a me caro, perchè mi ha svelato forse un aspetto della generazione dei nostri padri che spiega la loro difficoltà a lasciarsi andare, a mostrare a noi figli quella tenerezza che qualche volta ci è mancata.
Grazie per averci mostrato le”nostre”   radici. Con grande affetto a Vito Tribuzio
.” - Raffaella Mele
 

Lascia il tuo commento

0
termini e condizioni.
  • Nessun commento trovato

PRIVACY   TERMINI E CONDIZIONI  | DISCLAIMER

© 2013 Top Level srl  Tutti i diritti riservati.
Via Marco Partipilo, 36
- 70124 Bari - ITALY

Tel.+39 080 5461545 - Fax +39 080 5468056
 P.Iva 05307240720

jQuery Easy Modifications Report
riordinate librerie header
rimosse 186 linee vuote
Tempo di esecuzione (in secondi): 0.003223180770874

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui per accedere alla sezione informativa.